I prodotti di Up Pharma

Caratteristiche del prodotto :

Composizione:

Composizione per 1 compressa: Diosmina 450 mg Bromelina (2500 GDU/gr) da Ananas s. 200 mg Vitexina (da Hiracium Pilosella) 1,25 mg

Somministrazione:

Si consiglia l’assunzione di 2 compresse al giorno, una al mattino e una al pomeriggio, lontano dai pasti.

Indicato per:

LINFOCINETIC®60 è un integratore alimentare con Diosmina, bromelina e Vitexina (da Hieracium Oilosella). La Pilosella favorisce il denaggio dei liquidi corporei.



LINFOCINETIC®60 è la confezione di LINFOCINETIC® da 60 compresse, un mese di assunzione continua a due compresse al giorno.

L’Edema è un accumulo di liquidi negli spazi interstiziali dell’organismo. Il sintomo più evidente di questa condizione è il gonfiore che caratterizza diverse patologie. L’edema può essere legato a cause locali (difficoltà circolatorie come le varici delle gambe, infiammazioni cutanee, ecc.) o estendersi a tutto l’organismo.

Dal punto di vista fisiologico, l’edema è il risultato di alterazioni dello scambio capillare. In condizioni normali, i capillari tendono a filtrare a livello dell’estremità arteriosa e a riassorbire a livello dell’estremità venosa.  Il volume di filtrato è maggiore rispetto a quello riassorbito. Infatti, solo il 90% del volume filtrato all’estremità arteriosa è riassorbito a quella venosa; il rimanente 10% (circa 2 litri al giorno) viene recuperato dal sistema linfatico, che impedisce la formazione di edemi riversandolo nel circolo sanguigno. E’ il sistema linfatico che è deputato al riassorbimento del liquido interstiziale presente in eccesso. Un inadeguato drenaggio linfatico può essere a sua volta responsabile di edema e gonfiori (ad esempio a causa di traumi, parassiti, crescita di tumori, asportazione dei linfonodi o crescita di tessuto fibroso conseguente alla terapia radiante). L’edema è accompagnato dall’infiammazione e ne può essere causa o conseguenza. A causa della lesione l’organismo induce alcune modificazioni del microcircolo (risposta infiammatoria) e si assiste ad un aumento della permeabilità capillare, con conseguente accumulo di proteine nei fluidi interstiziali (presenti nello spazio extracellulare, cioè tra il capillare e la cellula). Si assiste ad una diminuzione della pressione colloido-osmotico plasmatica e ad un aumento della filtrazione a livello dei capillari. Il risultato è la comparsa di edema.

Quando sistema di drenaggio linfatico va in sofferenza si possono accumulare notevoli quantità di liquidi negli spazi interstiziali. Questa condizione è definita linfedema. L’edema si cura affrontando la malattia o la situazione (stare in piedi, dieta errata, …) che l’ha generato e facilitando il ruolo del sistema linfatico.

La terapia “compressiva” (aiutare in modo meccanico il sistema linfatico) è di valido aiuto, come, nei casi più severi, quella chirurgica, volta a ripristinare un flusso linfatico compromesso.

Il trattamento di base è effettuato con la Terapia farmacologica.

Secondo le “Linee Guida Italiane sul linfedema”, il linfedema, al di là delle terapie adeguate a contrastarne la causa, ad una terapia antibiotica ed antitrombotica, deve essere trattato con l’impiego di “benzopironi” (come la diosmina) per la documentata azione sulla riduzione della permeabilità capillare, riduzione della attività macrofagica ed azione prolinfocinetica. Ancora le Linee Guida sottolineano che le sostanze proteolitiche (come la bromelina) assicurano un sicuro aiuto. Per sostenere il sistema linfatico, oltre ad un adeguato movimento dei muscoli occorre:

•Un’adeguata peristalsi linfatica (contrazione ritmica dei vasi linfatici)

•Una composizione linfatica con molecole proteiche meno voluminose

•Un minore “stravaso” e carico di liquidi extravascolari

•Una minore pressione idraulica (minor volemia e più tono venoso)

•Un’azione antiinfiammatoria

Per dare un sostegno a questi processi è stato formulato LINFOCINETIC®60

 

Modalità di somministrazione e posologia

Si consiglia l’assunzione di 2 compresse al giorno, una al mattino e una al pomeriggio, lontano dai pasti.

Avvertenze

Non assumere durante la gravidanza e l’allattamento. Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Salvo diverso parere medico, non superare la dose giornaliera consigliata. Gli integratori non vanno intesi quali sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

Bromelina

La bromelina è un enzima proteolitico usato come antiinfiammatorio ed antiedematoso. Risulta particolarmente efficace negli stati infiammatori dei tessuti molli associati a trauma, nelle infiammazioni localizzate (specialmente in presenza di edema), e nelle reazioni tissutali postoperatorie.

VITEXINA (da Hieracium Pilosella estratto secco)

L’estratto secco di Hieracium Pilosella è noto per le proprietà diuretiche e drenanti, infatti garantisce un marcato aumento della diuresi con incremento notevole nelle urine di cloruri e sostanze azotate. L’azione diuretica è da attribuire principalmente al contenuto in flavonoidi (vitexina). La vitexina agisce direttamente a livello dei tubuli renali e viene usata come diuretico volumetrico, declorurante e ipoazotemizzante. Il suo utilizzo risulta particolarmente efficace in tutti i casi di ritenzione idrica e negli stati edematosi. La vitexina possiede diversi effetti dovuti alle interazioni con alcuni importanti enzimi, tra i quali:

-effetto negativo sulla fosfolipasi A2, enzima che scinde i lipidi di membrana per generare precursori di mediatori dell’infiammazione come le prostaglandine (azione antiinfiammatoria)

-naturale inbitore dell’enzima di conversione dell’angiotensina (Angiotensin Converting Enzime o ACE), bersaglio dei cosiddetti farmaci ACE-inibitori usati nella terapia corrente dell’ipertensione arteriosa; questa azione ne spiegherebbe l’attività diuretica.

Diosmina: 

prolunga l’effetto vasocostrittore della noradrenalina a livello delle pareti venose incrementando il ritorno venoso. La diosmina aumenta il drenaggio linfatico mediante l’incremento della frequenza e dell’intensità delle contrazioni linfatiche, aumentando la funzionalità della rete capillare linfatica. La diosmina riduce l’attività dei leucociti a livello dei capillari riducendo infiammazione.