Notizie | Osteoartrosi: i FANS incrementano il rischio cardiovascolare

26

set
2019

Osteoartrosi: i FANS incrementano il rischio cardiovascolare

E’ stato appena pubblicato il primo studio atto ad esaminare il possibile ruolo dei FANS nell’incremento del rischio cardiovascolare nei pazienti con osteoartrosi. Il risultato è importante: l’uso cronico dei FANS incrementa il rischio cardiovascolare nei pazienti con osteoartrosi.

Ciò ha enormi implicazioni per la salute pubblica, in quanto più dei tre quarti dei pazienti con osteoartrosi vengono trattati con FANS. Secondo Anslam Anis dell’University of British Columbia di Vancouver, autore dello studio che ha preso in considerazione più di 30.000 pazienti, l’uso di FANS svolge un ruolo sostanziale nello sviluppo delle patologie cardiovascolari nei soggetti con osteoartrosi, soprattutto se assunti in modo cronico e a dosaggi elevati.

I pazienti devono essere adeguatamente consigliati  in modo da conoscere questi rischi e fare uso cauto di questi farmaci. I dati dello studio evidenziano l’importanza di monitorare gli effetti collaterali cardiovascolari nei pazienti con osteoartrosi, e gli esperti consigliano approcci terapeutici alternativi per il controllo del dolore.

I fattori di rischio comprendono età avanzata, sesso maschile, fumo di tabacco, ipertensione, precedenti eventi cardiovascolari ed elevati livelli sierici di creatinina. Se il paziente presenta anche artrite reumatoide, ciò incrementa ulteriormente il rischio di tossicità da FANS.

Gli esperti evidenziano la necessità di strategie per ridurre l’uso di questi agenti ed identificare approcci alternativi per i pazienti con osteoartrosi. Uno dei principali problemi legati al trattamento di questi pazienti consiste nel fatto che essi possono accusare dolori considerevoli, e come ogni paziente con dolore spesso essi sono interessati al sollievo immediato piuttosto che alle conseguenze a lungo termine dell’uso cronico di FANS. (Arthritis Rheum online 2019, pubblicato il 6/8 doi: 10.1002/art.41027)

 

Un valido supporto potrebbe arrivare dalla nutraceutica:cartilagil